browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

REGOLAMENTO CAMPO VOLO

 

REGOLAMENTO CAMPO VOLO AMAC

 

Aggiornato al 16 gennaio 2015

1. Potranno accedere all’uso del campo e relative strutture tutti gli iscritti all’AMAC e loro famigliari in

regola con le norme di associazione; le persone non iscritte potranno accedervi soltanto se

accompagnate da un iscritto.

MODULO Iscrizione

2. Le strutture del campo volo potranno essere utilizzate esclusivamente per lo svolgimento delle

attività definite nello Statuto Sociale, mentre il “cascinotto” ed il giardino potranno essere utilizzati

per attività di normale ricreazione dei soci. Qualsiasi altro uso è tassativamente vietato, per cui gli

inadempienti saranno soggetti alle sanzioni come previsto dallo Statuto Sociale stesso.

3. Si potranno effettuare voli con motori a scoppio o procedere al relativo rodaggio rispettando il

seguente orario: Mattino dalle 9 alle 12,30, pomeriggio con ora legale dalle 15 alle 19.30, o con

ora solare dalle 14 alle 18.

Su proposta di alcuni Soci e con l’approvazione del CD si è deciso una deroga in via provvisoria all’art. 3 del “regolamento campo volo” riguardante gli orari di inizio delle attività di volo.
Alla luce di quanto sopra esposto dal 1 ottobre 2015 l’attività di volo per modelli con propulsione a scoppio potrà essere anticipata alle ore 14.00.

4. E’ tassativamente obbligatorio, per gli utilizzatori di apparati radio con tecnologia analogica (non

2,4 Ghz), esporre il cartellino della frequenza nell’apposito spazio al momento dell’arrivo sul

campo volo. Il socio, prima di accendere la trasmittente, dovrà accertarsi, controllando

accuratamente i cartellini già esposti, che la sua frequenza non sia già occupata da altri. In caso

positivo dovrà mettersi in contatto con questi ed accordarsi per l’uso. Sarà a carico della persona

inadempiente qualsiasi danno che possa derivare dalle relative interferenze. Allo scopo di

facilitare l’utilizzo delle frequenze, si consiglia vivamente ai possessori di più frequenze di esporre

solo il cartellino relativo alla quella effettivamente in uso e di sostituire il cartellino non appena

utilizzerà una nuova frequenza. Gli utilizzatori di radio con tecnologia digitale 2,4 Ghz non sono

tenuti ad utilizzare questa modalità di controllo frequenze.

5. E’ vietato effettuare manovre pericolose o a bassa quota sopra la verticale dei box, verso il

pubblico e comunque a sud della rete di protezione o in prossimità delle abitazioni nelle vicinanze

ad ovest del campo.

6. L’area di decollo e volo 3D (per aerei ed elicotteri) è situata nella parte della pista opposta ai box.

Non è consentito il volo stazionario o 3D (per aerei ed elicotteri) nella metà del campo verso i box.

7. E’ obbligatorio l’uso di un silenziatore efficace per tutti i motori a scoppio, nel caso in cui tale

dispositivo, anche se originale della casa costruttrice non garantisse un livello di rumore inferiore a

93 dB misurato a 3 metri di distanza (modello a terra, fonometro ortogonale al modello a 25 cm da

terra), dovrà essere modificato o sostituito con altro idoneo.

8. i modelli devono essere trainati a mano dai box alla pista di decollo; non è consentito far rullare i

modelli dai box alla pista utilizzando motore e radiocomando

9. le prove dei motori devono essere effettuate in area lontana dai box (ai bordi del parcheggio dietro

il “casotto” o a bordo pista lontana dai box); non è consentito utilizzare i box per effettuare lunghe

prove di carburazione dei motori

10. E’ indispensabile utilizzare il campo volo in modo di non arrecare danno ad altri soci o loro

modelli, in particolare è vietato sostare in mezzo alla pista oltre al tempo necessario per le

operazioni di decollo o di ricupero del modello. A decollo avvenuto il pilota dovrà portarsi

immediatamente, e restare, sul lato ovest della pista.

11. Durante l’attività di manutenzione del campo sono vietati i voli

2

12. Ogni socio è tenuto a far rimanere il pubblico nella zona ad esso riservata, e comunque invitarlo

molto educatamente a spostarsi da zone potenzialmente pericolose.

13. Quando sul campo volo non sono presenti membri del Consiglio Direttivo, il Socio più anziano

presente, dovrà incaricarsi del corretto svolgimento delle attività di volo.

14. I principianti devono obbligatoriamente farsi assistere da un socio più esperto, fino a quando non

avranno acquisito, a giudizio del socio-istruttore, sufficiente sicurezza nel pilotaggio.

15. L’accesso alle strutture del campo per svolgere attività di volo aeromodellistico, è esteso alle

persone non associate all’AMAC in qualità di

OSPITI, esclusivamente alle seguenti condizioni:

 

Aeromodellisti ESPERTI con capacità di volo autonomo.

 

L’aeromodellista ospite dovrà essere sempre accompagnato da un associato AMAC, il quale sarà

garante dell’operato e del comportamento dell’ospite stesso.

L’ospite dovrà essere in possesso di valida copertura assicurativa R.C.

L’associato è autorizzato ad ospitare aeromodellisti, con capacità di volo autonomo o allievi, per

un massimo di due volte in un anno solare. Un’aeromodellista esterno non potrà essere ospitato

dall’AMAC per più di due volte in un anno solare.

In ogni caso non è ammessa la presenza sul campo di due ospiti contemporaneamente.

Per ragioni organizzative è necessario quindi che la presenza di ospiti sia comunicata

preventivamente ad un membro del consiglio.

L’ospite è obbligato ad osservare il regolamento AMAC in vigore.

 

Aeromodellista ALLIEVO non in grado di volo autonomo.

 

Essendo la materia di difficile valutazione e controllo senza una specifica conoscenza dell’allievo,

del suo modello e relativi accessori, la decisione di accettare un allievo è demandata di volta in

volta a un membro del Consiglio Direttivo presente sul campo (o in assenza di membri del

Consiglio Direttivo al socio più anziano sul campo) che, a seguito di opportuni accertamenti,

concederà o meno, a suo insindacabile giudizio, l’uso delle strutture AMAC

L’allievo ammesso, dovrà essere sempre e comunque accompagnato da un associato AMAC il

quale dovrà garantirne l’operato ed il comportamento.

16. Nel caso particolare degli allievi, gli altri loro accompagnatori, parenti ed amici, dovranno rimanere

nello spazio riservato al pubblico e non interferire nella delicata fase dell’istruzione al volo. E’

permesso l’accesso alla pista di un solo allievo per volta. In nessun caso, durante l’attività di

preparazione, avvio dei motori, rullaggio o volo dei modelli, nessuno degli estranei sopra indicati,

oltre a quelli non espressamente autorizzati, potrà fare ingresso nei box e alla pista, o comunque

distrarre l’allievo in qualsiasi modo.

17. Il numero massimo di modelli in volo non potrà essere superiore a 5 (cinque) unità.

18. Il pilota di elicottero che per il decollo, o per il volo del suo modello non sarà in grado di

comportarsi come sopra indicato al punto 10 (pilotaggio a bordo pista) o non sarà in grado di far

volare il suo elicottero congiuntamente ad altri aeromodelli (punto 17), avrà a disposizione gli

ultimi 15 minuti di ogni ora. A tal fine il socio dovrà segnalare ai soci presenti sulla pista la sua

intenzione di utilizzare, nella suddetta frazione di ora, questa modalità di volo.

19. In fase di atterraggio e soprattutto in caso di emergenza, è obbligatorio avvisare, a gran voce o

con altro mezzo, i piloti presenti in pista dell’imminente atterraggio od emergenza; durante questa

fase si dovrà, nei limiti del possibile, abortire ogni decollo in corso.

20. Il recupero di un modello fuori dall’area del campo volo dovrà avvenire senza arrecare danno alle

colture o proprietà altrui, e si dovrà informare tempestivamente un membro del Consiglio Direttivo

dell’eventuale smarrimento di un modello.

3

21. Tutti i soci sono tenuti a partecipare attivamente alla tenuta in ordine ed alla buona conservazione

delle cose ed attrezzature dell’AMAC e dovranno essere disponibili di prestare pro-quota e

gratuitamente la loro opera per eseguire eventuali lavori di ordinaria manutenzione, quando questi

si rendano necessari e/o comunque non eseguiti in appalto da terzi. Gli oggetti personali e i rifiuti,

comunque prodotti, bottiglie, lattine ecc. non devono essere abbandonati sul campo, ma portati a

casa propria.

22. Tutti i soci sono tenuti a rispettare il presente regolamento, segnalando eventuali infrazioni

commesse da altri soci al Consiglio Direttivo che a sua volta provvederà a deliberare a carico dei

trasgressori gli opportuni provvedimenti.

23. In applicazione dell’Art.2043 –Titolo IX del Codice Civile, qualunque fatto doloso o colposo che

cagiona ad altri un danno, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno. In

mancanza di accordo tra le parti, la valutazione del danno dovrà essere calcolata sulla base di

quanto previsto dagli Art. 2056,2057,2058 e 2059 del Codice Civile.